Nasce la nuova condotta Slow Food Riviera Dei Cedri. La presentazione al Riviera Bleu di Diamante

Nasce la nuova condotta Slow Food Riviera Dei Cedri. La presentazione al Riviera Bleu di Diamante

Domani, sabato 21 maggio, alle ore 17:30, presso l’Hotel Riviera Bleu di Diamante, verrà presentata ufficialmente la nuova Condotta SLOW FOOD “RIVIERA DEI CEDRI”.

La condotta, istituita in un territorio fortemente caratterizzato dalla coltura di un agrume tanto prelibato, quanto a rischio di estinzione, qual è il cedro, si porrà, come le altre oltre 1.300 presenti in tutto il territorio mondiale, di diffondere la filosofia del “buono, pulito e giusto”, che da anni costituisce lo slogan vincente di Slow Food, famosa organizzazione internazionale fondata da Carlo Petrini che proprio quest’anno festeggia il trentennale.

Il ricco pomeriggio adamantino avrà inizio alle ore 17.30 con la presentazione delle finalità che la nuova condotta calabrese perseguirà sul territorio e con l’ufficializzazione del Comitato di condotta; a seguire, l’interessante convegno “Biodiversità, Territorio e Turismo Sostenibile”, che vedrà la partecipazione oltre che degli amministratori dell’ampio territorio di riferimento (ricordiamo che, geograficamente parlando, la Riviera dei Cedri si estende da Tortora a Paola) e dei rappresentanti regionali di Slow Food, anche di importanti ospiti del mondo del turismo, della cultura e dell’enogastronomia.

Si proseguirà, poi, con una degustazione di prodotti a base di cedro: si andrà dall’aperitivo preparato in esclusiva dal mitico Ninì Belcastro (Caffè Ninì) ai caratteristici prodotti delle Officine dei Cedri; dagli stuzzichini salati preparati dal ristorante Panza e Crianza, alla mitica torta al cedro della blasonata Pasticceria Aronne di Santa Maria del Cedro.

Dopo il momento istituzionale e quello enogastronomico, sarà la volta del connubio con l’evento musicale calabrese nato quindici anni fa proprio nella capitale della Riviera dei Cedri (Diamante, appunto) e divenuta, nel tempo, una rassegna itinerante nelle più belle località calabresi, annoverata ormai da anni dalla critica come uno dei festival jazz più importanti d’Italia.

Parliamo del Peperoncino Jazz Festival, evento che proprio in questi giorni si è confermato (per il sesto anno consecutivo) tra i primi cinque festival jazz d’Italia all’esito dei Jazzit Awards – l’annuale referendum indetto dalla prestigiosa rivista specializzata Jazzit – che in occasione di questo primo atto ufficiale di Slow Food sul territorio dell’alto Tirreno Cosentino, darà anch’esso un primo assaggio di quella che si preannuncia come una incredibile XV edizione, che con 60 concerti in programma da metà giugno ai primi di ottobre, ancora una volta caratterizzerà nel segno del miglior jazz italiano ed internazionale tutta l’estate calabrese.

In attesa di svelare, a brevissimo, il ricchissimo programma dell’edizione 2016, il festival organizzato dall’Associazione culturale Picanto e diretto artisticamente da Sergio Gimigliano proporrà, in anteprima e in esclusiva italiana, il concerto in piano solo del pianista estone Kristjan Randalu (ingresso libero).

Non ancora quarantenne, Kristjan studia a Colonia con John Taylor, poi con Django Bates a Londra, fino ad approdare  alla prestigiosa Manhattan School of Music di New York. Da qui, inizia una carriera strepitosa, costellata di collaborazioni importanti (tra le altre, si ricordano quelle con Dave Liebman, Ari Hoenig, Nguyên Lê, Nils Petter Molvaer,  Maria Schneider, la Stuttgart Chamber Orchestra, la Tallinn Chamber Orchestra e la London Symphony Orchestra, nonché il polistrumentista e cantante tunisino Dhafer Youssef, che lo voluto al suo fianco dal 2011 e al quale Youssef prima di ogni concerto chiede: “Fammi volare!”) e di esibizioni nei più importanti locali e teatri del mondo (dalla Carnegie Hall al Lincoln Center di New York, dalla Barbican Hall al Konzerthaus di Berlino)

Dotato di una tecnica impeccabile e, al contempo, di una grande sensibilità musicale e considerato uno dei pianisti più interessanti della sua generazione (c’è chi lo ha paragonato a Keith Jarrett o a Chick Corea, mentre Herbie Hancock lo ha definito semplicemente “un pianista abbagliante”), Randalu si muove tra musica classica e jazz con equilibrio e senso della simmetria unici; il suo tocco è originale, chiaro e preciso, caratteristica che gli è valsa la vittoria di diversi, importanti premi (su tutti, al Montreaux Jazz Festival, dove, nel 2002, ha vinto il concorso per pianoforte solo), oltre a una nomination ai Grammy Awards nel 2006.

Già apprezzato dal pubblico del Peperoncino Jazz Festival lo scorso anno in occasione di uno dei concerti realizzati in Sila al fianco del sassofonista “vichingo” Trygve Seim, in occasione di questa attesissima anteprima del festival musicale più piccante d’Italia il pianista estone, grazie anche alla collaborazione dell’Associazione culturale Diamante La Grande Bellezza, si esibirà all’ora del tramonto (alle ore 19.30), nel suggestivo scenario della spiaggia più bella di Diamante (Riviera Bleu), dialogando, in solo, con la bellezza del paesaggio della Perla del Tirreno.

 

 

Informazioni:

Associazione culturale Picanto

Mobile: 345/9514139

E-mail: peperoncinojazzfestival15@gmail.com

Web: www.peperoncinojazzfestival.com

Facebook: Peperoncino Jazz Festival – 10° Peperoncino Jazz Festival

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi