La musica e il potere. La bandiera si ammaina sul palazzo del principe. Ultimo appuntamento con Guido Barbieri

La musica e il potere. La bandiera si ammaina sul palazzo del principe. Ultimo appuntamento con Guido Barbieri

La musica e il potere. La bandiera si ammaina sul palazzo del principe. Ultimo appuntamento con Guido BarbieriUltima tappa, sabato 16 febbraio alle ore 10.30, per La musica e il potere, il ciclo di conversazioni a cura di Guido Barbieri che ha attraversato secoli di teatro musicale, visitato i luoghi che ne hanno fatto la storia, celebrato pagine indimenticabili: il percorso, che ha accompagnato e in parte incrociato gli appuntamenti della Stagione d’Opera 2018/19 del Teatro Alighieri di Ravenna con cinque incontri rigorosamente a ingresso libero, si conclude sabato 16 febbraio, come sempre di sabato mattina alle 10.30. Nella prestigiosa cornice della Sala Muratori della Biblioteca Classense, la conversazione sarà dedicata all’antinomia tra potere e libertà nell’itinerario musicale di Franz Joseph Haydn e Ludwig van Beethoven, illustri esponenti di quel classicismo viennese di cui fu parte anche Mozart e che vide il progressivo abbandono del rapporto di dipendenza con i rispettivi principi, “padroni” e mecenati, per acquisire una nuova identità sociale: quella del musicista “libero” che si misura e scontra con un potere astratto e invisibile, il mercato.

Per svelare i segreti del rapporto fra musica e potere, Barbieri – musicologo e voce di RadioTre – ha fatto propria la lezione di Michel Foucault, uno dei maggiori pensatori del Novecento, esplorando i rapporti fra compositori e diverse forme di mecenatismo emerse nel tempo, ma anche le tracce di relazioni di potere che, all’interno di determinati contesti storico-sociali, affiorano nel teatro d’opera. Si è così composta una riflessione organica e unitaria – significativamente ospitata da uno dei luoghi protagonisti della vita culturale della città – che giunge all’ultimo appuntamento in compagnia di Haydn e Beethoven, protagonisti di una rivoluzione silenziosa ma cruciale: la trasformazione del compositore da cortigiano a libero pensatore.

Info. 0544 249244 – Ingresso libero

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi