Jane’s Walk- Il balletto sul marciapiede. Grande successo per la prima edizione a Viterbo

Jane’s Walk- Il balletto sul marciapiede. Grande successo per la prima edizione a Viterbo

Grande partecipazione alla prima Jane’s Walk viterbese, svoltasi nel quartiere di Santa Barbara il pomeriggio di domenica 3 maggio, a cura di Cantieri d’Arte IX edizione e Laboratorio Urbano Quotidiano. La passeggiata, dal titolo “Il balletto sul marciapiede, conversazioni a piedi nel quartiere di Santa Barbara”, organizzata in occasione della giornata del festival internazionale Jane’s Walk in onore dell’urbanista e attivista Jane Jacobs (http://www.janeswalk.org/italy/viterbo), ha visto i partecipanti coinvolti attivamente in un percorso di ri-scoperta di un angolo della loro città, e di riflessione sull’interrelazione fra il benessere dei luoghi, la qualità progettuale e chi li frequenta.
L’analisi degli spazi pubblici esistenti, le funzioni e le forme di utilizzo da parte degli abitanti, la qualità degli spazi verdi e la vita sociale della comunità sono stati solo alcuni dei temi affrontati dai tre giovani architetti e urbanisti che hanno accompagnato il gruppo di partecipanti, abitanti del quartiere e non, attraverso il percorso organizzato in 6 tappe. Momenti narrativi e descrittivi, su teorie e regole urbanistiche relative alla forma e agli usi del quartiere, si sono alternati a momenti di coinvolgimento partecipativo in attività di re-immaginazione degli spazi.
Dagli attenti suggerimenti e dalle riflessioni fatte insieme ai partecipanti è emerso quanto lo spazio pubblico non sia semplicemente un elemento residuale dello spazio destinato al passaggio delle automobili, ma anzi sia l’ingrediente fondamentale per una vita urbana piacevole e sicura. Lo spazio pubblico: deve essere creazione attiva e consapevole poggiata su un tessuto architettonico pensato sia per le auto che per le persone (di tutte le età), anziché il risultato di logiche economiche e commerciali che privilegiano altri aspetti della vita in pubblico.
Lo spazio pubblico ha bisogno di maggiori attenzioni perché è il principale supporto delle relazioni sociali e di comunità; non bastano quindi solo divieti di accesso e dissuasori, muretti di cemento e alberi sui marciapiedi, ma una progettazione centrata sulle esigenze delle persone.
Durante le tappe si è avuta l’occasione di incontrare diverse realtà che animano il quartiere, tra cui quella che da tempo sta lottando per la salvaguardia del parco delle Querce. Dal racconto della loro esperienza è emersa l’importanza del senso di comunità e condivisione che deve appoggiarsi su luoghi ricchi di significato e capaci di accogliere persone e relazioni: è per questo che ogni processo di cambiamento, per superare  le inevitabili forme di inerzia, deve partire dal coinvolgimento di tutte le persone attraverso i metodi della progettazione partecipata.
In questo senso una parte importante della passeggiata è stata il coinvolgimento dei partecipanti ai quali è stato chiesto di disegnare una “mappa mentale” delle parti del quartiere visitate. A loro è stato chiesto di fermarsi un attimo, osservare, parlare con la gente e innescare nuovi ed originali processi sul posto per comprendere le interazioni tra uomo e luogo.
Questa mappatura è, nelle intenzioni degli organizzatori, una prima restituzione collettiva dell’immagine di Santa Barbara, e il prototipo di un modello che si tenterà di replicare in altri quartieri della città con le stesse modalità.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi