In occasione della Giornata della memoria Il Viaggio di Roberto. Un treno verso Auschwitz per RegioYoung 2018-2019

In occasione della Giornata della memoria Il Viaggio di Roberto. Un treno verso Auschwitz per RegioYoung 2018-2019

In occasione della Giornata della memoria Il Viaggio di Roberto. Un treno verso Auschwitz per RegioYoung 2018-2019

In occasione della Giornata della Memoria

l’opera lirica che rievoca la vita del piccolo Roberto Bachi,

arrestato a Torrechiara e morto durante la Shoah

Teatro Regio di Parma

domenica 27 gennaio 2019, ore 17.00 per le famiglie

lunedì 28 gennaio 2019, ore 9.00 e 11.00 per le scuole

Roberto Bachi nasce a Torino nel 1929, frequenta per un anno la Scuola Elementare Mordani di Ravenna dove nel ‘37 viene trasferito il padre Armando, ufficiale dell’esercito italiano. Nel 1939 a seguito della proclamazione delle leggi razziali, la famiglia Bachi è costretta a lasciare Ravenna e a rifugiarsi prima a Parma – di cui è originaria la mamma Ines – e poi a Torrechiara dove, il 17 ottobre 1943, Roberto viene arrestato a soli 14 anni. Il 6 dicembre di quello stesso anno Roberto viene portato al binario 21 della stazione di Milano e messo sul treno che, in sei giorni, lo porterà ad Auschwitz.

Il racconto di quei sei giorni è Il viaggio di Roberto. Un treno verso Auschwitz, l’opera lirica su libretto di Guido Barbieri, con la musica di Paolo Marzocchi, commissionata dal Teatro Alighieri di Ravenna, in scena in una nuova versione al Teatro Regio di Parma, in occasione della Giornata della Memoria, domenica 27 gennaio 2019 alle ore 17.00 per le famiglie e lunedì 28 gennaio 2019 alle ore 9.00 e 11.00 per le scuole, nell’ambito di RegioYoung. Nello spettacolo, il personaggio del piccolo Roberto non parla e non canta: il suo racconto è affidato a Vittorio, immaginario narratore, che accompagnerà i più piccoli in un viaggio in parole e musica, alla scoperta della giovane vita del ragazzo vittima della Shoah, della sua famiglia e dei tanti suoi compagni deportati nel campo di sterminio di Auschwitz.

Alessio Pizzech firma la regia dell’opera, con le scene e i costumi di Davide Amadei, le luci di Nevio Cavina e vedrà la partecipazione tra gli interpreti degli ex compagni di scuola di Roberto Bachi: Danilo Naglia, Silvano Rosetti, Sergio Squarzina. Paolo Marzocchi dirige l’Orchestra Arcangelo Corelli, il Quartetto Vocale composto da Vittoria Magnarello, Veronica Delorenzi, Massimo Montanari, Giacomo Contro e il Coro “Libere Note” dell’Istituto Comprensivo “Guido Novello” di Ravenna, preparato da Elisabetta Agostini e Catia Gori. Protagonisti in scena Franco Costantini (Vittorio, il narratore), Cinzia Damassa (Ines, la madre di Roberto), Anna Bessi (La perla di Labuan, Bagheera, Madama Butterfly), Marcello Rosiello (Padre/Maestro di Roberto), Alessandro Braga (Soldato tedesco), Ivan Merlo (Funzionario dell’archivio), Daniela Lugli, Gabriella Mansani, Adriana Resta, Ercole Taccoli, Edoardo Liverani (Deportati).

“Dare forma alla vicenda di Roberto tra immaginazione e realtà ci costringe a conoscere, a osservare il nostro presente – racconta il regista Alessio Pizzech.  Questo viaggio con Roberto vorrei dedicarlo a quel diritto al sogno che ci rende tutti così umani e fragili di fronte agli orrori del presente; vorrei dedicarlo ai nostri figli e ai figli dei nostri figli perché la memoria continui e con essa noi tutti si possa essere adulti più consapevoli. Quel viaggio è un racconto di legami che costituiscono il centro della nostra vita: la famiglia, gli amici più cari, le persone che non ci sono più e verso cui abbiamo il dovere morale di vivere con pienezza la nostra vita. Ai ragazzi che vedranno questo lavoro dico: siate coraggiosi come Roberto e trovate nella sua storia la forza per credere in voi stessi”.

I biglietti per le famiglie (ridotto fino a 15 anni € 8,00; intero € 12,00) sono in vendita presso la biglietteria del Teatro Regio di Parma (tel. 0521 203999 – biglietteria@teatroregioparma.it) e online su teatroregioparma.it. I biglietti per le scuole devono essere richiesti e prenotati all’indirizzo educational@teatroregioparma.it e, previa conferma, dovranno essere acquistati e ritirati presso la Biglietteria del Teatro Regio giovedì 24 gennaio 2019. Per informazioni e prenotazioni Tel. 0521 203949 – educational@teatroregioparma.it.

Il prossimo appuntamento di RegioYoung è con un classico del balletto, Lo Schiaccianoci, (venerdì 1 febbraio 2019 ore 10.00 per le scuole e sabato 2 febbraio 2019 ore 16.00 per le famiglie) in una versione ridotta e adattata per il pubblico delle scuole e delle famiglie (lo spettacolo sarà proposto sempre l’1 e 2 febbraio alle ore 20.00 nella versione integrale per il pubblico di Parma). Sulle musiche di Pëtr Il’ič Čajkovskij, con la coreografia e la regia di Amedeo Amodio, le scene e i costumi di Emanuele Luzzati, le ombre a cura de L’asina Sull’isola e la voce di Gabriella Bartolomei, lo spettacolo prodotto da Daniele Cipriani Entertainment porta sul palcoscenico del Teatro Regio la storia del soldatino e di una bambina nel regno dei desideri. I biglietti per le famiglie (da € 15,00 a € 60,00) sono in vendita presso la biglietteria del Teatro Regio di Parma (tel. 0521 203999 –biglietteria@teatroregioparma.it) e online su teatroregioparma.it. I biglietti per le scuole devono essere richiesti e prenotati all’indirizzoeducational@teatroregioparma.it e, previa conferma, dovranno essere acquistati e ritirati presso la Biglietteria del Teatro Regio mercoledì 30 gennaio 2019. Per informazioni e prenotazioni Tel. 0521 203949 – educational@teatroregioparma.it.

La Stagione 2018-2019 del Teatro Regio di Parma è realizzata grazie al contributo di Comune di Parma, Parma 2020 Capitale Italiana della Cultura, Ministero dei beni e delle attività culturali, Regione Emilia-Romagna. Major partner Fondazione Cariparma, Main partners Chiesi, Crédit Agricole Cariparma. Main sponsor Iren, Barilla, Cedacri group, Parmacotto. Advisor AGFM. Il Teatro Regio di Parma è sostenuto anche da Camera di Commercio di Parma, Fondazione Monte Parma, Ascom, Fondazione Ascom. Con il supporto di “Parma, io ci sto!”. ParmaDanza è realizzata con il sostegno di CePIM e in collaborazione con ATER Associazione Teatrale dell’Emilia-Romagna e Arci Caos. La Stagione Concertistica è realizzata da Società dei Concerti di Parma, in collaborazione con Casa della musica, con il sostegno di Chiesi. La spada nella roccia è realizzata con il sostegno di Parmalat. Il Concorso Internazionale Voci Verdiane “Città di Busseto” è realizzato in collaborazione con Comune di Busseto. Sponsor tecniciMacroCoop, Grafiche Step, De Simoni.

Teatro Regio di Parma

In occasione della Giornata della Memoria

domenica 27 gennaio 2019, ore 17.00 per le famiglie

lunedì 28 gennaio 2019, ore 9.00 e 11.00 per le scuole

Durata complessiva 1 ora 15 minuti circa, senza intervallo

IL VIAGGIO DI ROBERTO. Un treno verso Auschwitz

da 7 anni

Azione scenica musicale in un atto su libretto di Guido Barbieri

Musica

PAOLO MARZOCCHI

Vittorio, il narratore FRANCO COSTANTINI

Ines, la madre di Roberto   CINZIA DAMASSA

La perla di Labuan ANNA BESSI

Bagheera  ANNA BESSI

Madama Butterfly  ANNA BESSI

Padre/Maestro di Roberto MARCELLO ROSIELLO

Soldato tedesco  ALESSANDRO BRAGA

Funzionario dell’archivio  IVAN MERLO

Deportati  DANIELA LUGLI, GABRIELLA MANSANI, ADRIANA RESTA, ERCOLE TACCOLI, EDOARDO LIVERANI

Con la partecipazione di DANILO NAGLIA, SILVANO ROSETTI, SERGIO SQUARZINA

ex compagni di scuola di Roberto Bachi

Direttore

PAOLO MARZOCCHI

Regia

ALESSIO PIZZECH

Scene e costumi

DAVIDE AMADEI

Luci

NEVIO CAVINA

ORCHESTRA ARCANGELO CORELLI

QUARTETTO VOCALE

Vittoria Magnarello, Veronica Delorenzi, Massimo Montanari, Giacomo Contro

CORO “LIBERE NOTE” I.C. “Guido Novello” di Ravenna

Maestri del coro

ELISABETTA AGOSTINI, CATIA GORI

Nuova versione dell’opera commissionata dal Teatro Alighieri di Ravenna nel 2014

In coproduzione con Teatro Alighieri di Ravenna, Fondazione Teatro Regio di Parma

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi