Il sangue delle donne. Tracce di rosso sul panno bianco, il libro a cura di Manuela De Leonardis

Il sangue delle donne. Tracce di rosso sul panno bianco, il libro a cura di Manuela De Leonardis

Venerdì 8 marzo 2019 alle ore 10.30, presso la Mediateca Regionale Pugliese di Bari, verrà presentato il libro “Il sangue delle donne. Tracce di rosso sul panno bianco”, a cura di Manuela De Leonardis, edito da Postmedia Books.

Interverranno Giusy Petruzzelli, docente di Storia dell’arte e vicedirettrice dell’Accademia di Belle Arti di Bari, Manuela De Leonardis, storica dell’arte e curatrice e Annalisa Zito, direttrice della Fondazione Pasquale Battista. L’evento si avvale del patrocinio dell’Accademia di Belle Arti di Bari e della Regione Puglia.

La pubblicazione è realizzata con il sostegno della Fondazione Pasquale Battista nell’ambito del progetto artistico ideato e curato da Manuela De Leonardis che vede il coinvolgimento di 68 artiste internazionali a cui sono stati affidati vecchi “panni di lino”, un tempo usati per tamponare e assorbire il flusso mestruale. Il legame concettuale e fisico tra il sangue delle donne e il pannolino è strettissimo; partendo da questa consapevolezza ciascuna artista ha affrontato con il proprio linguaggio i diversi aspetti del femminile, alcuni dei quali ancora tabù sia in occidente che nel resto del mondo: nascita, pubertà, maternità o scelta di non essere madre, menopausa, sessualità, violenza, femminicidio.

Nelle mani di Ilaria Abbiento, Manal AlDowayan, Adele Angelone, Elizabeth Aro, Wafa Bahai, Alessandra Baldoni, Carolle Bénitah, Takoua Ben Mohamed, Saša Bezjak, Tomaso Binga, Rosina Byrne, Giovanna Caimmi, Primarosa Cesarini Sforza, Rupa Chordia-Samdaria, Sara Ciuffetta, Lea Contestabile, Karmen Corak, Mila Dau, Vlasta Delimar, Kristien De Neve, Maria Diana, Isabella Ducrot, Nilüfer Ergin, Cristiana Fasano, Maimuna Feroze-Nana, Simona Filippini, Emita Frigato, Pilar, Barbara e Stella Marina Gallas, Silvia Giambrone, Felicity Griffin Clark, Maïmouna Guerresi, Susan Harbage Page, Sasha Huber, Susan Kammerer, Fariba Karimi, Eglė Kuckaitė, Hanako Kumazawa, Silvia Levenson, Wenwen (Vivienne) Liu, Lôw (Estabrak Al Ansari, Raiya Al Rawahi, Tara Al Dughaither), Barbara Luisi, Anja Luithle, Victoria Manganiello, Florencia Martinez, Patrizia Molinari, Elly Nagaoka, Ana Maria Negară, Yasuko Oki, Novella Oliana, Sonya Orfalian, Lina Pallotta, Sara Palmieri, Chiara Pellegrin, Sofia Rocchetti, Elisa Roggio, Anna Romanello, Paola Romoli Venturi, Virginia Ryan, Cinzia Sarto, Ivana Spinelli, Silvia Stucky, Ketty Tagliatti, Judy Tuwaletstiwa, Laura VdB Facchini, Maria Angeles Vila, Nicole Voltan, Ruchika Wason Singh e Deborah Willis la “pezza” è diventata, quindi, ulteriore portavoce di riflessioni che vanno al di là dei confini di genere. Lavori che sono pagine di un diario intimo che parla di vissuti personali, sollecitando memorie che nel riaffiorare dall’oblio trovano una loro ricollocazione nel presente. Storie anonime, storie conosciute, storie di ordinaria quotidianità, raccontate in prima persona, metabolizzate e rielaborate ricorrendo talvolta alla metafora, al potere dell’ironia, alla citazione letteraria o pittorica, alla dimensione della poesia.

Il libro, in italiano e in inglese, contiene, oltre al testo critico della curatrice, l’opera Ciclo (1974) di Mirella Bentivoglio, i testi di Annalisa Zito (Fondazione Pasquale Battista), Rossella Alessandrucci (gallerista), Federica Formato (ricercatrice in lingua di genere), Alberto Massarelli (psicoanalista), Arianna Di Genova (storica dell’arte), Stefano Barchiesi (specialista in ginecologia e ostetricia), Maria Cristina Gasperini (etnologa esperta in lingua e letteratura giapponese), Rita Boini (giornalista), Niky D’Attoma (scrittore), le opere delle 68 artiste con i loro testi, un contributo critico di Jerica Ziherl (opera di Vlasta Delimar), Denis Volk (opera di Saša Bezjak) e una poesia di Valerie Fermariello (opera di Fariba Karimi) e la copertina di Per una espressione nuova di Suzanne Santoro pubblicata nel 1972.

Il progetto Il sangue delle donne è stato presentato nel 2015 (con la co-curatela di Rossella Alessandrucci e l’organizzazione di LaStellina ArteContemporanea) presso la Casa Internazionale delle Donne di Roma; nel 2016 presso il Teatro Stabile comunale di Isola del Liri (Frosinone); nel 2017 presso il Centro per l’Arte Contemporanea La Rocca di Umbertide (Perugia), presso la Galerija Forum di Zagabria e Galeria Rigo di Novigrad-Cittanova (Croazia) e nel Monastero di S. Benedetto di Conversano (Bari) nell’ambito del progetto La Città delle Donne curato da Rocco De Benedictis; nel 2018 presso Palazzo Fibbioni de L’Aquila e nel Reparto di Radioterapia Oncologica – Ospedale Clinicizzato SS. Annunziata di Chieti.

I prossimi appuntamenti: 15 marzo 2019 Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea Roma; 5 aprile 2019 Museo della Fotografia Napoli; 16 maggio 2019 MACRO Museo di Arte Contemporanea Roma; 5 settembre 2019 inaugurazione della mostra “Il sangue delle donne. Tracce di rosso sul panno bianco” Auditorium Vallisa Bari.

L’immagine di copertina del libro è un dettaglio dell’opera di Isabella Ducrot, Il sangue è rosso, 2016, Pannolino, acrilico 50×47 cm.

Il libro è disponibile sul sito web della Fondazione Pasquale Battista www.fondazionepasqualebattista.it

INFO

Venerdì 8 marzo 2019 ore 10.30 / 13.30

Mediateca Regionale Pugliese

Via Giuseppe Zanardelli 30 – Bari

 

Il sangue delle donne. Tracce di rosso sul panno bianco

A cura di Manuela De Leonardis
con il supporto della Fondazione Pasquale Battista

Traduzione: Edvige Nanni

Book design: Franco Cenci/Studio Idea

Coordinamento: Dino Lorusso, Ninni Castrovilli

Data pubblicazione: gennaio 2019

Edito da Postmedia Books

167x237mm | pagine 192

Italiano/Inglese

€ 21,00

ISBN 9788874902279

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi