Il camper della Polizia di Stato contro la violenza sulle donne

Il camper della Polizia di Stato contro la violenza sulle donne

Il camper della Polizia di Stato contro la violenza sulle donne – PARTE LUNEDI’ 30 SETTEMBRE DA PIAZZA DUOMO

Questa mattina in piazza Duomo all’Aquila è partito il CAMPER ANTIVIOLENZA della POLIZIA DI STATO e per due mesi girerà tra quartieri e paesi della provincia aquilana per svolgere un’attività di prevenzione sul campo a difesa delle donne vittime di violenza domestica.

La Polizia mette in campo una strategia di prevenzione su uno dei fenomeni più allarmanti per la società: la violenza sulle donne. Un progetto studiato  “a misura” di una città dove la difficile opera di ricostruzione del centro storico costringe la popolazione aquilana a vivere in tante “new town” disseminate in un territorio molto vasto e dove le donne, i giovani e gli adulti cercano nuovi spazi di aggregazione.

Il Camper antiviolenza raggiungerà tutti gli insediamenti urbani realizzati nel post terremoto e rappresenterà idealmente un centro di aggregazione sui temi della sicurezza, svolgendo un’opera di sensibilizzazione sulla violenza di genere. Un’idea che si sposa anche con altri progetti già in corso, come quello di  “L’aquila, città per le donne”, un laboratorio di idee per una città non solo smart, ma sicura e che rimuova ogni criticità al diritto delle donne di vivere pienamente la città.

L’omicidio resta la prima causa di morte per le donne tra i 15 ed i 44 anni, ma molte di più sono quelle che subiscono ingiurie, lesioni, maltrattamenti, stalking. Il legislatore è intervenuto recentemente con un provvedimento d’urgenza introducendo, con il  Decreto Legge n. 93 del 14 agosto 2013, degli strumenti più stringenti per ampliare le forme di tutela a favore dei soggetti più deboli, imponendo ai Ministeri anche l’adozione un piano straordinario per il periodo 2014-2020 contro la violenza sessuale e di genere. E a tutto questo deve aggiungersi il sommerso, le tante violenza mai denunciate, subìte in silenzio a volte per rassegnazione, a volte per tutelare la famiglia, a volte per paura. Proprio per questo la task force sul camper svolgerà un’attività di informazione per illustrare gli strumenti a difesa delle donne e potrà all’occorrenza, raccogliere anche denunce e segnalazioni.

Il camper sarà anche  un’aula didattica multimediale itinerante dove verranno proiettati filmati con scopo informativo e didattico, nonché distribuiti volantini tradotti nelle lingue delle comunità più presenti nell’aquilano (rumeno, arabo, albanese, macedone ed ucraino) e completi dei numeri utili da chiamare in caso di bisogno.  A bordo sarà presente oltre a un funzionario e a personale di polizia, anche un medico della Questura e un rappresentante del Centro Antiviolenza di L’Aquila: una “squadra” di professionisti, pronti ad offrire alla donna gli strumenti per un approccio integrato e multidisciplinare, dall’accoglienza di natura sanitario-psicologica, alle forme di assistenza legale, sino all’attività di polizia giudiziaria.

 

Il progetto, che ha raccolto il patrocinio dell’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di L’Aquila, è un primo passo concreto per costruire sul territorio quella rete di soggetti pubblici e privati che, in piena rispondenza alla filosofia di “sicurezza partecipata”, metta a fattor comune le proprie capacità e competenze per assicurare alle categorie più deboli un’attenzione e una protezione davvero efficace.

LA PRESENTAZIONE

Lunedì 30 settembre alle ore 10.00 il progetto verrà presentato all’interno della struttura installata a Piazza Duomo: l’incontro, introdotto dal Questore Vittorio Rizzi, sarà moderato dalla giornalista Paola Saluzzi e vedrà la partecipazione di sei donne impegnate sul tema: la Prof.ssa Maria Teresa Letta, Vice Coordinatore Nazionale della C.R.I.; la dr.ssa Roberta D’Avolio, Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di L’Aquila; la dr.ssa Emanuela Di Giovambattista, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di L’Aquila; la dr.ssa Delfina Di Stefano, Vice Questore Aggiunto della Questura di l’Aquila; la dr.ssa Alessandra Masciovecchio, Medico Capo della Questura di L’Aquila; la dott.ssa Anna Tellini, Presidente del Centro Antiviolenza di L’Aquila.

All’esterno della struttura il camper pronto ad iniziare il suo viaggio che lo porterà a raggiungere anche tutti i più importanti Comuni della provincia e uno stand della Polizia Stradale che parallelamente svolgerà un’attività di sensibilizzazione e di informazione sui temi della sicurezza nella circolazione, con particolare riferimento all’abuso di alcol e droga e alla guida in sicurezza nella stagione invernale.

Una Polizia fra la gente per assicurare più sicurezza e prevenzione.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi