I Luz in concerto

I Luz in concerto

Prosegue a ritmo serrato e con incredibile partecipazione di pubblico la XIV edizione del Peperoncino Jazz Festival, evento a cura dell’Associazione culturale Picanto realizzato con il contributo dell’Assessorato alla Cultura della Regione Calabria (POR Calabria FESR 2007/2013 – Asse V – Linea di intervento 5.2.3.1.), degli enti Parco Nazionale del Pollino e Parco Nazionale della Sila, di numerose amministrazioni comunali e di importanti Sponsor privati (tra cui BCC Mediocrati, Confindustria Cosenza, Agis e Anec Calabria, Ottica Di Lernia, La Pietra Srl) e con l’Alto Patrocinio dell’Ambasciata degli Stati Uniti d’America e della Reale Ambasciata di Norvegia.

Dopo il successo del concerto di Joey Calderazzo, pianista americano di grandissimo carisma, che con il suo tocco sopraffino e la sua grande classe in occasione della prima tappa rosetana del PJF 2015 ha incantato l’affollata platea riunitasi per l’occasione in Piazza Il Guiscardo, domani sera (domenica 2 agosto), nella seconda tappa dell’evento musicale più piccante d’Italia in programma nel caratteristico centro storico di Roseto Capo Spulico (questa volta la location sarà il grazioso cortile del Castrum Roseti), a partire dalle ore 22.30 saranno di scena i Luz, già ospiti nella scorsa edizione del festival diretto da Sergio Gimigliano all’interno di una intensa “tre giorni” dedicata alla nuova scena jazzistica italiana dal titolo “The New Wave of Italian Jazz”.

Il trio, composto dal chitarrista Giacomo Ancillotto, dal contrabbassista Igor Legari e dal percussionista Federico Leo, prende il nome da tutto ciò che è luce ed energia,

Ognuno dei tre musicisti ha portato il suo mondo interiore in questo progetto, fatto di ascolti, letture, visioni e suggestioni talvolta apparentemente inconciliabili.

In Luz c’è il suono della città che palpita e geme e i silenzi nobili del sud, l’urlo elettrico della contemporaneità e la polvere profumata del passato, la gioia dell’imprevisto e la sfida della scrittura.

Dopo l’intensa “due giorni” in quella che rappresenta, senza dubbio, una delle località turistiche più esclusive dello Jonio Cosentino, fortemente voluta dal Sindaco Rosanna Mazzia, dal consigliere con delega al Turismo Sabrina Franco e da tutta l’amministrazione comunale rosetana e, pertanto, ad ingresso libero, lunedì 3 agosto l’incantevole chiostro di Palazzo San Bernardino, uno dei gioielli architettonici che impreziosiscono il centro storico di Rossano, per il nono anno consecutivo ospiterà un grandissimo evento musicale chiuso in esclusiva per la 14° edizione del PJF.

Su quello che è uno dei palchi storici del festival calabrese ancora una volta piazzatosi nei primissimi posti della classifica redatta dalla rivista specializzata Jazzit all’esito del prestigioso referendum indetto dalla stessa (JAZZIT AWARDS), infatti, grazie alla profonda sensibilità di importanti aziende del territorio (prima fra tutte La Pietra S.r.l., sponsor che negli anni ha reso possibile la realizzazione a Rossano di concerti di artisti del calibro di John Scofield, Paolo Fresu, Enrico Rava, Maria Joao, Joshua Redman, Danilo Rea, Jerry Bergonzi e tanti altri), saranno di scena i Trace Elements con ospite Serge “Jojo” Mayer, portentoso batterista svizzero noto al grande pubblico anche per essere il leader del gruppo dei Nerve.

I Trace Elements (che tradotto significa “oligoelementi”, con chiaro riferimento a quegli elementi chimici necessari in quantità minime per l’appropriata crescita e sviluppo fisiologico di un organismo, considerando metaforicamente tale anche la musica, necessaria alla nutrizione dello spirito di ogni uomo), formazione in cui militano Paolo Di Sabatino (pianista che ha suonato, tra gli altri, con Massimo Urbani, Paolo Fresu) e Christian Galvez (bassista che ha già collaborato con artisti del calibro di Billy Cobham e Stanley Clarke), per l’occasione si completeranno, dunque, con Jojo Mayer. Vero e proprio bambino prodigio (si è esibito per la prima volta all’età di tre anni ad Hong Kong), sin da giovanissimo ha iniziato a girare il mondo, suonando nei migliori jazz festival del pianeta e collezionando collaborazioni con artisti del calibro di David FiuczynskiMe’Shell NdegéocelloVernon Reid’s Science Project, la Vienna Art Orchestra, e tantissimi altri.

Dopo il concerto-evento rossanese, per il quale cresce in queste ore l’attesa in tutta la Calabria (con richieste di informazioni che arrivano anche dalle regioni vicine), il festival organizzato dall’Associazione culturale Picanto e diretto artisticamente da Sergio Gimigliano proseguirà, poi, fino al 10 agosto sempre sulla costa ionica, facendo tappa a Cassano, Corigliano, Montegiordano, Rocca Imperiale, Villapiana e San Giorgio Albanese, con l’esibizione di artisti del calibro di Fil Mama, Eric Marienthal, Gianfranco Menzella & Inner Four, Ludovica Manzo e Roy Panebianco Trio featuring Luca Aquino.

 

Informazioni per il pubblico:

ASSOCIAZIONE CULTURALE PICANTO

Mobile: 345/9514139

E-mail: peperoncinojazzfestival15@gmail.com

Web: www.peperoncinojazzfestival.com

Facebook: Peperoncino Jazz Festival – 10° Peperoncino Jazz Festival

 

 

PREVENDITA BIGLIETTI:

In Prima Fila

Via Alimena 4/b, Cosenza

Tel: 0984/795699

E-mail: info@inprimafila.net

Web: www.inprimafila.net

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi