Hacker attaccano il computer della Merkel con il virus Trojan

Hacker attaccano il computer della Merkel con il virus Trojan

Proseguono gli attacchi degli hacker ai più importanti sistemi informatici. Dopo aver violato le reti americane mettendo a dura prova la sicurezza della Grande Mela Usa, i pirati informatici hanno preso di mira e violato anche il computer dell’ufficio di Angela Merkel. Il pc è rimasto coinvolto nell’attacco hacker che ha colpito la rete informatica del Bundestag. A renderlo noto, questa mattina, il domenicale ‘Bild am Sonntag’ secondo il quale il notebook della cancelliere è stato uno dei primi in cui è stato individuato il virus ‘trojan’. Una volta infettato, dal computer della Merkel, sarebbero partite delle e-mail, ovviamente con Angela Merkel come mittente, che a loro volta avrebbero installato “trojan” i computer dei parlamentari che hanno ricevuto e parto le mail incriminate.

Per rendere più interessante la mail nell’oggetto era specificato che si trattava di un invito a una conference call. La Cdu al momento non si sbilancia asserendo di non poter “né confermare né smentire” la notizia, e anche dall’ufficio di Merkel non vi sono stati commenti. In base alle fonti del giornale, sembrerebbe che gli investigatori hanno scoperto, fino a venerdì scorso, ben 15 computer colpiti da trojan e in almeno cinque casi sarebbero avvenute delle sottrazione di dati.

L’intelligence tedesca ritiene che l’attacco alla rete informatica del Bundestag – scoperto dall’intelligence tedesca e dalla Bsi a metà maggio, l’ufficio federale per la sicurezza informatica – sia opera di un servizio segreto straniero, con tutta probabilità russo. I deputati sono stati immediatamente allertati e sono stati avviati i controlli e le indagini dalle quali sarebbe emerso che l’attacco sferrato dagli hacker è stato più grave di quanto si ritenesse in un primo momento.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi