Gli italiani si mangiano i risparmi

Gli italiani si mangiano i risparmi

Gli italiani si mangiano i risparmi – Non andava così male da 11 anni. Si era appena affacciato il nuovo millennio e le paure sulla fine del mondo si accompagnavano a una situazione congiunturale negativa.

 

Era il primo trimestre 2000, e l’Istat registrava l’11,1% rispetto alla «propensione al risparmio dei cittadini», che in parole povere vuol dire soldi in tasca.

 

Oggi quel dato è stato superato, attestandosi all’11,3%. Le fredde comunicazioni dell’Istituto di statistica nazionale ci raccontano che «nel secondo trimestre è pari all’11,3%, in calo di 0,4 punti percentuali rispetto al trimestre precedente e di 1,2 punti percentuali rispetto al secondo trimestre 2010. La flessione congiunturale del tasso di risparmio – spiega l’Istat – è il risultato di una crescita del reddito disponibile (+0,5%) più contenuta rispetto alla dinamica della spesa per consumi finali (+0,9%) espressa in valori correnti. Ugualmente, rispetto al secondo trimestre del 2010, il reddito disponibile delle famiglie in valori correnti è aumentato del 2,3%, a fronte di una crescita del 3,7% della spesa per consumi finali».

 

Le famiglie non risparmiano più, dunque, ma spendono. Dati contraddittori? No, perché la «propensione al risparmio» che gli italiani hanno avuto costantemente dal dopoguerra a oggi ha permesso loro di accumulare una qualche riserva. Il dato preoccupante è che oggi la gente sta mettendo mano proprio su quel «tesoretto» familiare che sta sparendo in tasse, gabelle (le tariffe dei servizi pubblici locali e delle utenze domestiche negli ultimi quattro anni sono aumentate del 6%) e il disperato tentativo di mantenere lo standard qualitativo di vita avuto fino a oggi. Standard che, però, scende inevitabilmente, se è vero come è vero – ed è sempre l’Istat a dircelo – che calano anche i consumi: il pane crolla dell’8,5% e il pesce del 4,8%, conferma la Confederazione italiana agricoltori. La domanda di carne rossa scende del 3,2% e quella di frutta del 2,7%. Non si salva neppure la pasta, che subisce una flessione dell’1,6%.

 

Ma che gli italiani stiano «tirando la cinghia» è evidente anche dai dati relativi alle tipologie commerciali: sebbene perdano terreno tutti gli esercizi indistintamente – afferma la Cia – ad accusare di più i carrelli vuoti sono gli ipermercati, che registrano un calo di vendite del 2,7% tra gennaio e luglio. A tenere sono solo i discount, registrando un +0,9% nel primo semestre dell’anno. Il che però produce un effetto collaterale che mette in crisi l’economia «di strada»: precipitano del 9,2% gli acquisti nelle botteghe di quartiere. Calano anche i profitti delle società non finanziarie e l’occupazione nelle grandi imprese. «Tengono» solo alcuni prodotti tecnologici cult (telefonini e iPad) e quelli per la cura della persona, come creme e profumi.

 

Diciamoci la verità: stiamo messi maluccio, ma non vogliamo che si veda.

di Angelo Perfetti da Il Tempo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi