Giornata Mondiale dell’Infanzia celebrata al Teatro Remigio Paone

Giornata Mondiale dell’Infanzia celebrata al Teatro Remigio Paone

La Giornata Mondiale dell’Infanzia celebra la data in cui la Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia venne approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York: 20 novembre 1989. Data che coincide con un duplice anniversario: la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo (1789) e la Dichiarazione dei Diritti del Bambino (1959). Una Convenzione che oltre ad inquadrarsi come strumento di promozione e di difesa dei diritti  dell’infanzia e dell’adolescenza, si configura come uno strumento giuridico mondiale e multilaterale  che ha stabilito diritti internazionalmente riconosciuti al bambino, imponendo agli Stati di rispettarli  concretamente e di presentare regolarmente rapporti sull’attuazione. In Italia è stata approvata nel 1991. Con questo documento si riconosce il bambino come soggetto di diritto, titolare di diritti non solo oggetto di cure e protezione.

 

Per celebrare l’importanza di tale giornata e festeggiare il 25esimo anni di attività sul territorio, la  Coop. Soc. “Spazio Incontro Onlus” propone con il patrocinio del Comune di Formia mercoledì 20 Novembre presso il Teatro Remigio Paone a partire dalle 10 una giornata di riflessione sui diritti dell’infanzia e  dell’adolescenza che coinvolge adulti, bambini, operatori, scuole.

 

L’obiettivo è quello di sensibilizzare tutti coloro che parteciperanno alla giornata sull’importanza dei diritti dei bambini offrendo agli insegnanti uno stimolo per educare gli alunni ai diritti umani. “Un mondo di diritti nelle loro mani”, quindi, come espresso da Mary Robinson, ex Alto Commissario dell’ONU per i Diritti Umani perché “educare ai diritti umani non vuol dire solo insegnare e  imparare i diritti umani, ma anche educare per promuovere i diritti umani. Il ruolo fondamentale dell’educazione ai diritti umani è rendere gli individui in grado di difendere i propri diritti e quelli degli altri”.

 

L’evento vedrà il coinvolgimento degli alunni delle scuole superiori con l’intervento delle autorità locali, di Abo Loha Jasmine rappresentante dell’organizzazione internazionale ECPAT Italia e degli operatori della Cooperativa Spazio Incontro.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi