Gea Martire in scena al Marte con Mulignane. Con una grande attrice e una sottile commedia al femminile si celebra nel centro culturale metelliano la Festa della donna

Gea Martire in scena al Marte con Mulignane. Con una grande attrice e una sottile commedia al femminile si celebra nel centro culturale metelliano la Festa della donna

Con una grande attrice italiana e una sottile commedia sul riscatto della femminilità si celebra al MARTE la Festa della donna. Tocca, infatti, a Gea Martire irrompere domenica 8 marzo sulla scena di “Life on Mars”, la rassegna, a cura di Giuseppe Di Agostino e Claudio Giunnelli e sponsorizzata dal Gruppo D’Amico e Banca Sella, con cui il centro culturale apre i suoi space al teatro di avanguardia.

L’attrice, che al cinema ha incarnato diversi ruoli brillanti lavorando con numerosi Maestri, tra cui Ettore Scola, Mario Monicelli, Dino Risi e Carlo Verdone, porterà sul palcoscenico metelliano “Mulignane“, spettacolo già presentato con successo a Napoli la scorsa stagione. Una commedia sagace sulla natura femminile, tra il timore di uscire allo scoperto e la dipendenza dagli uomini, tratta da un racconto di Francesca Prisco e diretta da Antonio Capuano.

 

Una storia di donna che non ha nome, una segretaria frustata dalla solitudine e dal timore di inadeguatezza e bruttezza. “Senza un uomo come si fa? È triste, e brutto, ci vuole un uomo, ci vuole l’ amore… ahè, è ‘ na parola! E addo’ sta?”, dice la protagonista afflitta da una madre che, tra una parmigiana di “mulignane” e l’altra, la esaspera affinché trovi un marito. “Intanto gli anni passano e il vuoto intorno, anzi interno, dilaga. E allora va bene “qualunque”: un turzo, un arrogante, un pagliac­cio, un rimorchio, un’altra trappola pur di arginarlo, quel maledetto vuoto”. E così cede all’amore occasionale di un rozzo fattorino che conosce, però, solo un amore: quello del sesso brutale, delle fruste, delle pratiche sadomaso, che lasciano alla malcapitata solo ‘mulignane’ (lividi).

Ma le botte prese (metaforicamente e fisicamente) smuoveranno i muscoli della donna, pronta a ribaltare il suo destino e a far saltare gli schemi.

Il tutto con grande ironia, continui giochi a doppio senso (a partire dal titolo) ed espedienti comici, nel solco della tradizione farsesca, che trovano nell’interprete la perfetta quadratura del cerchio.

 

Lo spettacolo andrà in scena alle ore 18. Il costo del singolo biglietto è di € 15. Prevendite disponibili presso il Bookshop del MARTE e su www.postoriservato.it.

 

Il MARTE è in corso Umberto I, 137 – 84013 Cava de’ Tirreni (SA). Per informazioni sugli eventi e prenotazioni: 089 94 81 133, www.marteonline.com, facebook.com/martemediatecaarteeventi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi