Er mestiere riposante

Er mestiere riposante

Io so’ pigro senza resa
nu’ me va de lavorà
ma a ‘sto monno la difesa
è la mejo qualità

E perciò me  so’  inventato
un mestiere de riposo
che fra tutte l’antre cose
cià ‘no scopo dignitoso

Si te senti afflitto e triste
e nun voi dormì da solo
butta er “Tavor”, nun insiste,
si me paghi arrivo ar volo

Omo o donna, piccolo o grosso,
nun me faccio arcun probblema,
quanno chiami mollo l’osso
puro si me trovo a cena!

E vedrai che co’ quarcuno
che te dorme affianco a letto
ogni dubbio, anzia o paura
t’aritorna ner cassetto

Io lo faccio pe’ campà
e pe’ nu’ morì de fame
e facenno ‘sto lavoro
scopro tante cose strane

C’è chi a letto torna pupo
e vorrebbe la su’ mamma
chi s’insogna sempre ‘n lupo
che l’acchiappa e poi l’azzanna

C’è chi mentre dorme parla
ma nun ce capisci ‘n acca
chi se arza in piedi e strilla
e poi corre a fà la cacca

Poi c’è quello che de giorno
vole fà co’ l’antri er duro
ma de notte piagne spesso
mentre prenne a pugni er muro

Autore: Maria Grazia Rinaldi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi