Donna e violenza, proiezione e dibattito al Museo della Città e del Territorio di Vetralla

Donna e violenza, proiezione e dibattito al Museo della Città e del Territorio di Vetralla

Domenica 29 marzo 2015 ore 17.30

Museo della Città e del Territorio
via di Porta Marchetta, 2
Vetralla

«Finchè morte non ci separi» di Francesco Olivieri interpretato dalle attrici Karin De Ponti
e Valentina Scattolin
regia di Daniela Vismara
collaborazione alla regia e montaggio di Ebe Giovanninicoreografie di Margareth Locorotondo
accompagnamento musicale di Priscilla Panzeri
con l’adesione del Gruppo Pari Opportunità della Rai di Milano (referente Irma Bono)
a seguire dibattito con Valentina Bruno
Associazione Erinna
(Donne contro la violenza alle donne)

Per riparlare di un tema tragicamente attuale proponiamo di vedere insieme un documentario girato  in occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne, il 25 novembre 2014.
“Decine di paia di scarpe rosse, davanti all’ingresso del Centro di Produzione Tv Rai di Milano: un’esposizione simbolica, e pubblica, per richiamare l’attenzione sugli abusi verso le donne e il femminicidio”. L’iniziativa, ispirata alle installazioni ideate dall’artista messicana Elina Chauvet, è stata organizzata dal Gruppo Pari Opportunità Rai Milano (referente Irma Bono) che ha proposto, nello stesso giorno – davanti al palazzo Rai di corso Sempione – una performance con coreografie di Margareth Locorotondo e un’anteprima di “Finchè morte non ci separi” di Francesco Olivieri interpretato dalle attrici Karin De Ponti e Valentina Scattolin con l’accompagnamento musicale di Priscilla Panzeri alla viola.
Il testo di questo lavoro è stato portato in scena nella stessa giornata del 25 novembre in ventidue città italiane grazie al progetto dell’Associazione Culturale Liberi Pensatori Paul Valéry di Torino.
Il documentario, la cui regia si deve a Daniela Vismara con la collaborazione alla regia e montaggio di Ebe Giovannini, riprende l’installazione delle scarpette rosse e la performance che si svolge nel teatro della città, con i suoi rumori del quotidiano, le sirene delle ambulanze, i clacson delle vetture…un insieme che rende ancora più drammatiche, nella sua attualità, le parole delle attrici.

Mettiamo le nostre idee a confronto su un tema così importante insieme a Valeria Bruno che porta la sua esperienza quotidiana dell’Associazione Erinna ( Donne  contro la violenza alle donne) che da anni gestisce il Centro Antiviolenza di Viterbo. Un dibattito che, nel mese dedicato alla donna, non poteva mancare per una riflessione su un fenomeno sempre più diffuso e che ci trova tutti coinvolti.

In mostra fotografie di
Carla Paiolo
Valentina Pasquinelli
Alessandra Spina
Alessia Pozzi

da “Fotodonnagrafia 2012

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi