Della gentilezza, riflessioni intorno al tema della gentilezza

cartolina volontassociate

 

Nell’ambito del Festival della gentilezza: una settimana di festa, cultura e dibattito per celebrare i vent’anni di Auser nella nostra regione

 

CONVEGNO
“Della gentilezza: riflessioni intorno al tema della gentilezza”

 

Venerdì 11 novembre 2011
9.30 – 12.30
Cappella Farnese – Palazzo D’Accursio
Bologna

 

In occasione del ventennale di Auser studiosi e intellettuali hanno accolto l’invito a intervenire sul tema della gentilezza declinato in diversi ambiti: dall’economia all’arte, dalle relazioni interpersonali ai rapporti sociali. Un’occasione per riflettere sulla forza della gentilezza in una società che pare averla smarrita e accantonata.

 

L’evento, intitolato “Della gentilezza: riflessioni intorno al tema della gentilezza” avrà luogo venerdì 11 novembre dalle ore 9,30 alle ore 12,30 alla Cappella Farnese a Palazzo d’Accursio (Bologna).

 

Programma

Introduzione di
Franco Di Giangirolamo, Presidente Auser Regionale Emilia-Romagna

Interventi di
Prof. Andrea Segrè, La gentilezza nella nuova ecologia economica
Don Giovanni Nicolini, Il sogno e i segni di una società gentile
Prof. Eugenio Riccomini, Nell’arte: sorriso e gentilezza
Prof. Francesco Campione, Gentilezza e apertura umana nel confronto con la sofferenza

 

Andrea Segrè è professore ordinario di Politica agraria internazionale e comparata all’Università di Bologna dove è Preside della Facoltà di Agraria. Ha ideato, fondato e ora presiede “Last Minute Market”, spin off accademico dell’Alma Mater Studiorum-Università di Bologna per il recupero solidale e sostenibile dei beni invenduti.

 

Eugenio Riccomini, storico e critico d’arte, allievo di Roberto Longhi, per più di vent’anni ha lavorato nell’amministrazione statale a Venezia, a Bologna, a Ferrara e a Parma, curando importanti restauri come quello della facciata di San Petronio a Bologna e delle due cupole del Correggio a Parma. In seguito si è dedicato all’insegnamento universitario occupando la cattedra di Storia dell’Arte prima a Messina e poi a Milano.

 

Don Giovanni Nicolini dopo la laurea in Filosofia ha studiato Teologia all’Università Gregoriana. È stato ordinato per la Chiesa di Bologna nel 1967. Nel 1992 viene nominato assistente diocesano dell’Azione Cattolica, compito che tiene per due mandati fino a quando, nel 1998, diventa vicario episcopale per la carità. Negli anni Settanta, durante il suo diaconato alla Corticella, raduna attorno a sé un gruppo di giovani che danno vita alla comunità delle Famiglie della Visitazione. È stato presidente della Caritas diocesana, e dal 1999 è parroco a Sant’Antonio da Padova alla Dozza.

 

Francesco Campione è specialista in Psicologia medica e docente in Psicologia Clinica presso la Facoltà di Medicina dell’Università degli Studi di Bologna. Ha fondato l’Istituto di Tanatologia e Medicina psicologica e lo IATS (International Association of Thanatology and Suicidology). È presidente dell’Associazione Culturale “Rivivere” che ha realizzato il “Progetto Rivivere” (servizio psicosociale gratuito che aiuta le persone e le famiglie in lutto).
Seguirà al convegno la presentazione del libro “La forza della gentilezza” di Piero Ferrucci (da Mel Bookstore alle ore 18), un saggio di psicologia prende in esame una questione spesso trascurata ma di grande attualità nella nostra società e offre risposte al nostro bisogno sempre più diffuso di rapporti umani autentici.
Il convegno e la presentazione del libro sulla gentilezza sono gli eventi conclusivi del Festival della gentilezza che si è svolto a Bologna dal 5 novembre e che ha segnato l’ultima tappa di un ciclo di iniziative su tutto il territorio regionale per la celebrazione del ventennale Auser.

Il convegno si inserisce nel calendario di eventi per festeggiare il ventennale di Auser Emilia Romagna. Questo ricco programma di iniziative prende il nome di “Festival della gentilezza”: una settimana di festa, cultura e dibattito per riunire volontari, amministratori pubblici e cittadini e promuovere una discussione ampia e partecipata sul futuro del welfare regionale. Da sabato 5 a venerdì 11 novembre Auser Bologna ha coinvolto numerose associazioni del territorio che hanno lavorato insieme per offrire ai cittadini un ventaglio di proposte imperdibili: letture ad alta voce; spettacoli di clowneria; un grande concerto in piazza Maggiore; misurazione gratuita di pressione, glicemia e colesterolo; tradizionali “Giochi di una volta”; spettacolo di trampolieri; favole per bambini  e tanto altro ancora. La partecipazione a queste attività è stata forte ed entusiasmante.
nella mattinata del 7 novembre si è parlato anche di “Ripensare un nuovo welfare che guardi al futuro”  con i rappresentanti di Auser, il Sindaco Virginio Merola; la Docente Universitaria, Milena Manini; l’Assessore provinciale alle Politiche Sociali, Giuliano Barigazzi;  la presidente della quinta commissione provinciale Edgarda Degli Esposti; i rappresentanti di CGIL e SPI, Antonella Raspadori e Bruno Pizzica; il Portavoce del Forum Terzo Settore di Bologna, Luca De Paoli; il Presidente del Centro Servizi per il Volontariato, Pierluigi Stefani;  il referente di Ausilio-Coop Adriatica, Marco Gaiba.
In questi giorni, a Palazzo d’Accursio, è possibile visitare la mostra fotografica “La gentilezza è il nostro fiore all’occhiello: i volontari Auser in Emilia Romagna”.  

 

Queste le parole del Presidente di Auser Emilia Romagna, Franco Di Giangirolamo:
“In questi vent’anni di attività Auser è cresciuta e si è radicata sul territorio. In una fase caratterizzata dal progressivo allentarsi dei legami sociali il volontariato e l’impegno sociale in favore della comunità rappresentano una forza fondamentale e imprescindibile. Per questo le celebrazioni del ventennale sono incentrate sulla Gentilezza, intesa come antidoto alla barbarie, alla violenza. Quello che conta non sono infatti solo i servizi, ma anche il modo con cui vengono fatti. Per questo è fondamentale riportare al centro la persona, ridurre le disuguaglianze, trasformare i bisogni in diritti esigibili”.

 

Che cos’è l’Auser
Auser Regionale Emilia-Romagna è l’associazione di promozione sociale e volontariato che si occupa di promuovere l’invecchiamento attivo degli anziani e la crescita del loro ruolo nella società. L’Associazione Nazionale conta 300mila iscritti e 50mila volontari, distribuiti in 1.500 sedi su tutto il territorio nazionale. In Emilia-Romagna la rete Auser è formata da 31mila soci, di cui 10.541 volontari e 176 centri e circoli a iniziativa e attività locale.

 

Per informazioni
Auser Emilia Romagna
via Marconi 69, 40122 Bologna
tel. 051/29.47.47
e-mail: er_auser@er.cgil.it
www.auseremiliaromagna.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi