Croce Rossa, 8 marzo giornata internazionale della donna. Contro la violenza potenziare e sostenere i centri antiviolenza

Croce Rossa, 8 marzo giornata internazionale della donna. Contro la violenza potenziare e sostenere i centri antiviolenza

“Ancora una volta siamo costretti dalla realtà di fatto a celebrare la Giornata Internazionale della Donna come occasione per mantenere alta l’attenzione sul dramma della violenza di genere. Una piaga sociale tragica e spesso silenziosa che non accenna a diminuire, come dimostrano i 127 casi di femminicidio registrati in Italia nel 2012”, hanno dichiarato il Presidente Nazionale CRI Francesco Rocca insieme al Direttore Generale Patrizia Ravaioli, e ai Vicepresidenti Maria Teresa Letta e Anna Maria Colombani, alla vigilia della Giornata Internazionale della Donna. I vertici della CRI, eletti da tutti i volontari il 27 gennaio scorso, hanno una forte presenza femminile nei ruoli decisionali.

“Per portare avanti quella che è una vera e propria battaglia di civiltà è importante continuare a lavorare sulla strada della sensibilizzazione, ma a livello territoriale è indispensabile incrementare le reti sociali di sostegno alle vittime. La Croce Rossa Italiana oltre a promuovere iniziative rivolte al cambiamento culturale e alla formazione, soprattutto dei giovani, ha attivato in tutta Italia una rete di strutture antiviolenza dove le vittime di soprusi o di discriminazioni possano denunciare gli abusi o semplicemente trovare ospitalità. A Padova è attivo il progetto “Donne al Centro”, che offre  la possibilità di usufruire di una casa di seconda accoglienza per le donne vittime di violenza domestica e per i loro figli. La Croce Rossa in caso di necessità svolge anche un servizio di emergenza ‘prendendo in carico’ una donna vittima di violenza che non possa far rientro nella propria abitazione. Da oltre 2 anni nella sede della Croce Rossa di Avezzano è attivo un Centro Antiviolenza, dove specialisti offrono consulenza e soccorso gratuito alle vittime di ogni forma di violenze, come mobbing, stalking e discriminazioni di ogni tipo. Ad Asti è presente il centro di ascolto “L’Orecchio di Venere” che offre assistenza a tutte le persone interessate da fenomeni di violenza”.

“La presenza di questi centri sul territorio ha incoraggiato le donne ad uscire dal silenzio e a denunciare gli abusi subiti, per questo motivo è indispensabile sostenerne le attività e potenziarne la diffusione. E’ un dramma di fronte al quale non possiamo far finta di nulla”.

Croce Rossa Italiana

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi