Il canto delle pietre a Villa Lagarina, nella chiesa di San Martino in Trasiel

Il canto delle pietre a Villa Lagarina, nella chiesa di San Martino in Trasiel

La rassegna “Storie a Memoria”, organizzata dall’assessorato alla cultura della Provincia autonoma di Trento e dal Centro Servizi Culturali Santa Chiara, propone domenica 31 luglio uno spettacolo che avrà per scenografia l’antica chiesetta di San Martino in Trasièl nel Comune di Villa Lagarina, non lontano dal Lago di Cei. In scena gli attori della “Compagnia delle Arti” e il “Cremonense Collegium Musicum”. L’appuntamento per il pubblico è fissato alle ore 17.
Si tratta del primo appuntamento del progetto “Il Canto delle Pietre”, ciclo di rappresentazioni inserito nell’edizione 2011 della rassegna “Storie a Memoria – Castelli e forti, palazzi e antiche chiese del Trentino”, organizzata dall’assessorato alla cultura, rapporti europei e cooperazione della Provincia autonoma di Trento e dal Centro Servizi Culturali Santa Chiara, in collaborazione con il Museo Castello del Buonconsiglio e la Fondazione Museo storico del Trentino.
“Il Canto delle Pietre” è un percorso che intende scoprire le testimonianze di antica tradizione e profonda fede in Vallagarina. Promosso dalla Comunità della Vallagarina, punta a riscoprire i luoghi del sacro. Sono stati individuati, per questa prima edizione della rassegna, quattro edifici sacri risalenti all’anno mille, autentici gioielli architettonici, che colpiscono ancora con un fascino e una spiritualità che non hanno riscontro in altre opere, pur splendide, dell’architettura religiosa e che rivestono un ruolo cruciale nel paesaggio alpino. Le rappresentazioni popolari, basate su ricostruzioni storiche e interventi musicali, fanno riferimento a momenti di festa e di aggregazione delle comunità, che si raccolgono e si aprono ai loro ospiti per comunicare tracce e segni di lontane origini. Durante gli eventi i visitatori incontreranno attori – pellegrini che racconteranno la storia del luogo o la loro esperienza di viaggiatori.
L’evento di domenica 31 luglio avrà per protagonisti gli attori della “Compagnia delle Arti” e si svolgerà nel sagrato della chiesa di San Martino in Trasièl. L’edificio sacro sorge probabilmente sui resti di un castelliere preistorico adattato a fortilizio in epoca romana. Le prime testimonianze, risalenti all’anno 1220, riferiscono che la chiesa ospitava una comunità di monaci, mentre nel Sei e Settecento è documentata in loco la presenza di alcuni eremiti. La prima informazione che li riguarda – racconta Alberto Folgheraiter ne “I Custodi del Silenzio” – si riferisce ai Capitoli, pubblicati a Trento nel 1702 e firmati dall’arciprete di Valla Lagarina, il conte Carlo Ferdinando di Lodron. Compito dell’eremita era “tener polita la chiesa della Madonna di San Martino come conviene alla casa di Dio.”
La tradizione riferisce che nel medioevo vi si poteva impartire il battesimo e – così la leggenda – fin quassù venivano portati i bambini persino dalla lontana Val di Cavedine, al di là del crinale del Monte Stivo. Al fatto che San Martino rappresentava un luogo “di passaggio”, si riferisce, probabilmente, la denominazione “in Trasièl”, cioè in transito, in quanto di lì passava l’antica strada che saliva da Cimana di Pomarolo e attraversava la Val d’Ison per proseguire poi verso la Val di Cavedine.Sulla chiesetta di San Martino in Trasièl esiste una leggenda che parla di un falegname, un contadino e un oste che vi si recarono alla ricerca dell’eremita a cui chiedere consigli.
Nel secolo scorso la chiesa, già priva del battistero portato a Castellano verso la metà del sedicesimo secolo, venne lentamente abbandonata. Passata successivamente a privati, venne riadattata nella seconda metà dell’Ottocento dalla famiglia Pergher di Rovereto, proprietaria anche del vicino maso del Prà dell’Albi.
L’azione scenica farà accenno anche alla vita di San Martino, nato in Pannonia nell’anno 316, e al celebre episodio del mantello tagliato in due e donato ad un povero, dal quale deriva la leggenda popolare della cosiddetta “estate di San Martino”. Nella rappresentazione saranno impegnati gli attori Bruno Vanzo, Giuliana Germani e Gabriele Penner. La componente musicale sarà affidata al “Cremonense Collegium Musicum”, ensemble specializzato nella valorizzazione del patrimonio musicale medioevale e del primo Rinascimento, sia sacro che profano.

Cremonense Collegium Musicum

Nasce nel 1987 e si occupa della valorizzazione del patrimonio musicale medioevale e del primo Rinascimento, sia sacro che profano, con particolare attenzione ai generi teatrali propri delle chiese e delle corti italiane del tempo, con produzioni frutto di ricerche nei vari campi del sapere storico, religioso, letterario, musicale e drammatico. La grande attenzione all’aspetto spettacolare del proprio lavoro, l’uso di copie di strumenti storici, l’analisi delle fonti e degli ambienti, nonche il rigore con cui viene curata l’esecuzione, hanno portato la Compagnia ad un’intensa attività artistica, in Italia ed in moltissimi Paesi, con programmi tematici, concerti e spettacoli in festival e rassegne di grande prestigio.
Ha inciso per varie etichette discografiche numerosi CD dedicati alla musica e alla danza antica.

Info
Lo spettacolo, che avrà inizio alle 17, è promosso dalla Comunità della Vallagarina in collaborazione con il Comune di Villa Lagarina. Il pubblico, che potrà assistervi gratuitamente, potrà raggiungere San Martino provenendo da Castellano (raggiunte le prime case di Cei ci si dirige verso destra seguendo l’indicazione “Chiesa romanica San Martino”), oppure salendo a Cei partendo da Aldeno e svoltando a sinsitra dopo aver oltrepassato il Lago.

www.trentinocultura.net
www.centrosantachiara.it

Per informazioni sull’accessibilità alle persone con disabilita :
Cooperativa HandiCREA
tel. e fax 0461 239396
handicrea@trentino.net
www.handicrea.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi