Aux Folies Bergere, il music-hall parigino e i suoi dei

Aux Folies Bergere, il music-hall parigino e i suoi dei

Ça c’est Paris! vi cantava Mistinguett, Mon Paris, ville idéale!, replicava Chevalier. L’affascinante parabola delle Folies Bergère, emblema della vita notturna e dell’arte dello spettacolo parigina, è ripercorsa con una ricca documentazione dall’11 al 20 gennaio 2012 nella mostra Les Folies Bergère – Il music-hall parigino e i suoi dei!, alla Sala Santa Rita di Roma. Un secolo e mezzo di immagini che testimoniano la vita del teatro, con le sue emozioni, trionfi, sofferenze e gioie attraverso foto, locandine, documenti, bozzetti, lettere e tracce di memorabili riviste, a cura di Cesare Nissirio – Presidente del Museo Parigino a Roma –  in collaborazione con Pascal Pénard.

 

L’iniziativa è promossa dall’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale e dal Museo Parigino a Roma, in collaborazione con il Comune di Tarquinia e il Centro di Studi italo-francesi, con il patrocinio dell’Ambasciata di Francia, nell’ambito di Sous le ciel de Paris.

 

Dalla sua fondazione, nel 1869, ai giorni nostri Les Folies Bergère ha visto transitare nella propria sala la crema dello spettacolo mondiale ma soprattutto parigino. Dapprima ha accolto balletti, pantomime, teatro leggero, canzoni e numeri circensi quindi, sin dalla fine dell’Ottocento si è consacrata alla rivista, la revue, divenendo il luogo deputato a questo genere di spettacolo. L’esposizione alla Sala S. Rita, inedita sia in Francia che in Italia, presenta i momenti salienti di una attività artistica d’eccellenza in una coloratissima carrellata di illustrazioni, manifesti, foto, programmi di sala, bozzetti, disegni originali di scene e costumi, oggetti, filmati, spartiti e dischi, e persino lembi della moquette degli anni Trenta, riuniti in un fondo proveniente dalle stesse Folies Bergère ed appena acquisito dal Museo Parigino a Roma.

 

Inoltre molto spazio in mostra è dedicato agli dei che hanno reso celebre questo mitico locale. Dalla bella Otero, alla divina Cléo de Mérode, a Lina Cavalieri, considerata all’epoca la donna più bella del mondo, alla mitica danzatrice Loie Fuller. L’universo di stelle è arricchito da tutte le dive della fine dell’Ottocento e molte altre figure del Novecento, da Mistinguett a Joséphine Baker sino a Zizi Jeanmaire, Micheline Roiné, Chelo Alonso, Yvonne Menard,. Polin, Charlus, Maurice Chevalier, Charlie Chaplin, Fernandel, Charles Trenet e molti altri grandi interpreti maschili.

 

Di fatto il celebre locale che lambisce Pigalle, alle pendici di Montmartre, dal 1918 sotto la direzione di Paul Derval e poi di Tonia Derval, di  Michel Gyarmathy e di Hélène Martini, è divenuto celebre in tutto il mondo grazie alla spettacolarità delle sue riviste ed alla bellezza e bravura del suo universo sia femminile che maschile.

 

Senza dubbio questo è stato un luogo che ha saputo ispirare i cartellonisti e i pittori più affermati, che hanno creato splendidi manifesti per pubblicizzare gli spettacoli. Jules Chéret, Toulouse-Lautrec, Paul Berthon, Georges Meunier, Daniel de Losques, per citare alcuni dei più rappresentativi, hanno reso uno straordinario sostegno alla fama del locale o dei suoi artisti, lasciando traccia anche nelle generazioni successive di illustratori come Charles Kiffer, Charles Gesmar, Michel Gyarmarthy.

 

Dall’11 al 20 gennaio 2012 anche il Centro di Studi italo-francesi (Piazza Campitelli, 3 – dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 18.00) ospiterà una selezione di manifesti, affiches pubblicitarie e fotografie della storia recente delle Folies Bergère.

 

Sala Santa Rita via Montanara (adiacenze piazza Campitelli) Roma

Orario di apertura: lunedì – venerdì 10 – 18

Ingresso libero

www.salasantarita.culturaroma.it

http://salasantarita.wordpress.com

060608

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi