Art & Soul, storie di musica in musica, Mister Soul: Sam Cooke, dal Gospel al Soul

Art & Soul, storie di musica in musica, Mister Soul: Sam Cooke, dal Gospel al Soul

Martedì 14  maggio alle ore 21, alla Casa del Jazz per Art & Soul, storie di musica in musica,“Mister Soul: Sam Cooke, dal Gospel al Soul”,un reading tra parole, musica e immagini con: Alberto Castelli, voce, Mr. DMC, Soul Selecter, Flavio Spampinato, voce, Francesco Marchini, pianoforte. Per molti, la storia del soul è cominciata con lui. Per tutti, la sua voce è stata tanto preziosa, quanto importante e influente. Come Ray Charles, James Brown e Solomon Burke, Sam Cooke inserì il respiro e il fervore del gospel – la musica religiosa african american – nel linguaggio, per quei tempi nuovo e proiettato in avanti, del soul.

 

 

Sam Cooke cominciò la sua carriera giovanissimo alle metà degli anni ’50 come componente dei Soul Stirrers, uno dei gruppi gospel più popolari di quel periodo. Poi si unì per un breve periodo ai Pilgrim Travellers prima di decidere di intraprendere l’attività come solista e soprattutto di interpretare brani che non facevano parte del repertorio del gospel.

 

 

Nel giro di pochi anni, Sam Cooke diventerà una delle stelle della musica pop e uno dei primi grandi artisti del soul. La sua voce trasmetteva gioia, sensualità e passione, anche quando era alle prese con brani che non superavano i due minuti o poco più e che erano stati pensati per sedurre il grande pubblico. Cooke aveva un’eleganza innata, era una vera e propria star.

 

 

Sam Cooke era al culmine della sua vicenda artistica, quando nel dicembre del 1964, una donna gli sparò uccidendolo in un motel da tre dollari a notte a Los Angeles. La donna al momento del processo dichiarò che il cantante l’aveva aggredita dopo essere stato abbandonato da un’altra donna. Le circostanze dell’omicidio non saranno mai chiarite completamente.Qualche mese dopo fu pubblicata “A Change Is Gonna Come”, considerata il suo testamento spirituale. “Mister Soul: Sam Cooke, dal gospel al soul” in questa nuova versione, rispetto a quella già andata in scena alla Casa del Jazz, racconterà la vita di Sam Cooke e soprattutto celebrerà la sua arte.

 

 

 

 

Casa del Jazz: viale di Porta Ardeatina, 55 Roma

Info: 06/704731

Ingresso  5 euro

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi