Al MEI di Faenza gli artisti indipendenti della Neverland Records

Al MEI di Faenza gli artisti indipendenti della Neverland Records

Al MEI di Faenza gli artisti indipendenti della Neverland Records. Si terrà a Faenza, dal 29 settembre all’1 di ottobre, il MEI 2017, il Meeting delle Etichette Indipendenti. L’evento si prospetta una grandissima opportunità per i molti artisti indipendenti d’Italia, tra cui diversi dell’etichetta genovese Neverland Records, che avranno la possibilità di essere parte attiva dell’incontro.  Il 30 settembre avrà luogo anche un’importante manifestazione collaterale in collaborazione con il MEI, ovvero la prima edizione dell’#IndipendentPoetry che coinvolgerà circa 30 poeti. In occasione di quella che sarà la notte bianca del MEI, presso Casa Spadoni, le poesie di alcuni di questi poeti ovvero Davide Rondoni, Valerio Grutt e Isabella Leonardi verranno abbinate a delle melodie prendendo le sembianze di vere e proprie  canzoni grazie al contributo di alcuni artisti dell’etichetta, nello specifico: Denise Misseri, Alessandro Cicone e Andrea Cosso. Il primo ottobre invece, sarà proprio  Tuto Marcondes, un altro degli artisti dell’etichetta Neverland Records, con la sua Cittadino del Mondo, ad aprire la giornata conclusiva del MEI 2017 che vedrà il grande concerto per la Pace, Uguaglianza, Diritti e Solidarietà alla presenza delSanto Padre.

GLI ARTISTI

Denise Misseri

La varesina Denise Misseri si avvicina alla musica come strumentista, studiando prima il violino e poi il pianoforte classico. Ma una volta scoperto il canto, lo sperimenta in tutte le sue forme: prima nelle rock band, poi in cori gospel (che talvolta dirige) e gruppi vocali a cappella (Coro GiovanileEuropeo) e ancora come corista di big-band soul-blues (i Distretto 51, il cantante americano Ronnie Jones, la giamaicana Judith Emeline), come vocalist di brani trip-hop (partecipa all’album dei milanesi The Grooming), e persino dance (per CrazyDeejay). La sua “Voce di Perla Rosa” conquista tanti bambini nei cartoni animati Mermaid Melody e Kilari (Mediaset), ed è utilizzata per sigle TV e jingle pubblicitari. Si esibisce in programmi televisivi su canali Rai, Sky e AllMusMa ancor prima di essere una professionista della voce, Denise è un’autrice votata alla ricerca dell’espressività, del massimo connubio fra musica e parola, che non si accontenta degli stilemi preconfezionati della musica di consumo ma si ostina a trattare il mezzo sonoro come una forma d’arte, in grado di evocare un palcoscenico di immagini e sensazioni. E il suo primo album da cantautrice è firmato Neverland Records, etichetta con la quale collabora dal 2016. Il 27 maggio infatti è uscito in tutti i digital stores e fisicamente nei negozi di dischi partner dell’etichetta “Frammenti”, con edizioni musicali “Materiali Musicali”, dal quale sono nati i videoclip di “Insonnia” ed “Entanglement”. Denise è entrata nella classifica Indie Music Like del MEI con il brano “Bambola di ceramica”, ottenendo un buon riscontro a livello radiofonico.?Il 16 Settembre è uscito il videoclip del terzo singolo “Bambola di Ceramica” che vede la regia di Davide Comelli e la partecipazione di Samuel Levi.

Alessandro Cicone

Alessandro Cicone nasce a Cagliari il 14 settembre del 1991. Dall’età di 11 anni si interessa alla musica suonando in diversi gruppi musicali e studiando assieme a Sergio Calafiura presso la Voice Power, che lo porteranno a scoprire l’amore per il canto e la scrittura. Nel 2010 si trasferisce a Roma per frequentare il corso triennale dell’Accademia Internazionale di Teatro diplomandosi in recitazione e regia teatrale. Nel corso degli anni fonda diversi progetti musicali tra cui i First Saturday, gli Ita Rì Nanta e Ciko e pg, in cui spazia tra i generi più disparati affinando un proprio stile cantautorale. Nel marzo 2016 vince il primo posto nella categoria cantautori del Sardegna Music Festival e viene invitato ad esibirsi su Radiolina nel programma Sala Prove. A settembre vince il premio Miglior Musica al Festival degli autori di Sanremo. Sempre nel 2016 partecipa ad Area Sanremo superando la prima selezione da 400 a 70 partecipanti. Nel 2017 entra a far parte degli artisti di Neverland Records di Luca Marci.

Andrea Cosso

Andrea nasce a Genova nel gennaio del 1994. La musica è una passione ereditata dalla famiglia: il padre da giovane, suonava la chitarra, il fratello suona il pianoforte e i bisnonni erano violinisti.

Appassionato al canto inizia a frequentare un corso presso la scuola di Gianni Martini “ Music Line” (ex chitarrista di Giorgio Gaber e di Ivano Fossati). Nel 2010 incide la sua prima cover presso lo “Zerodieci Studio” e viene selezionato nel casting del programma televisivo “X Factor”.

A luglio del 2011 partecipa alla serata finale del concorso canoro delle due riviere “Un mare di stelle” e nel mese di ottobre alle selezioni di “Area Sanremo”. Nel 2012 si iscrive all’ “Accademia della Musica” di Genova e segue un corso professionale con l’insegnante Elena Vivaldi. Andrea non ama un genere ben definito, ascolta musica dal “melodrammatico” al “rock” .

Per le sue esibizioni sceglie sempre brani che lo emozionano, dove riesce a rispecchiarsi. Negli ultimi anni si è avvicinato a generi pop-melodici americano/inglesi con influssi blues-jazz-soul : Sting, Frank Sinatra, George Michael, Stevie Wonder e John Lennon. Andrea entra a far parte di NeverlandRecords nel 2012 e un anno dopo diventa voce solista della band Burning Phoenix.

Tuto Marcondes

Figlio di madre italiana e padre brasiliano, Augusto Pinato Marcondes – da sempre chiamato “Tuto” – dimostrava sin da piccolo disinvoltura e spontaneità artistica.

Con il padre Paulo, compositore e chitarrista, ancora bambino partecipa alle “Rodas de Samba e Serenata” dove impara a cantare.  Nel 2013 arriva in Italia per cercare le origini della sua famiglia e perfezionare l’italiano.

Trovandosi a Perugia all’inizio dell’Umbria Jazz, ben presto diventa uno dei protagonisti delle Jam Sessions e della vita notturna della città. Durante uno dei suoi concerti conosce il bassista Luigi Panzanelli, con il quale inizia il progetto “Tutto alla Brasiliana” proponendo oltre alle canzoni proprie, versioni “alla brasiliana” di artisti come Dalla, Modugno, Battisti e Lauzi. Nel 2014 distribuiscono più di 5.000 copie del primo disco indipendente “Brasilianità”, in Tournée per l’Italia. Nel 2015, insieme alla Smilax Publishing di Siena, lanciano il secondo disco “Bandolero” conquistando le Radio locali e collaborazioni con DJ delle Discoteche.

Più tardi si unisce alla Band il sassofonista Andrea Belli che porta con sé l’esperienza del Jazz e le sue melodie. Nel 2016, il trio Marcondes-Belli-Panzanelli vince il Premio Piazza Umbra con Mogol alla Giuria, presentando la canzone “Le Bionde Trecce” un testo-mosaico di classici della musica italiana. Recentemente vincono il Premio Speciale al Gallina Rock Festival con il brano “Salta dalla Barca”, che affronta il tema dei migranti: oggi africani in Europa, ieri italiani in America. Tuto Marcondes è un artista camaleontico che porta emozioni agli ascoltatori con una voce calda e una marcante presenza di palco.

A fine 2016 entra a far parte degli artisti di Neverland Records di Luca Marci con un progetto musicale tutto nuovo: Il 3 Febbraio 2017 esce nei digital stores con edizioni Musicali “Materiali Musicali”, il singolo “Domenica” ( Parliamo di noi ), brano che anticipa l’album in uscita nei prossimi mesi, sul quale è sttao realizzato il videoclip. Per alcuni mesi il brano è entrato a far parte della Indie Music Like del MEI, avendo un buon riscontro a livello radiofonico. Tuto Marcondes è stato selezionato tra i 6 artisti finalisti della X edizione del Premio Lauzi. La finale sarà il 24 Agosto all’Auditorium Paradiso di Anacapri.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi