11 settembre dieci anni dopo, il Trentino ricorda

11 settembre dieci anni dopo, il Trentino ricorda

11 settembre: una data che si è impressa indelebilmente nelle coscienze.

 

Domenica ricorrerà il decennale dei tragici attentati che sconvolsero l’America e il mondo. In Trentino l’anniversario sarà ricordato con tre iniziative organizzate dal Cinformi che intendono lanciare un messaggio diverso rispetto a quello dello “scontro di civiltà” che divenne popolare dopo le Twin Towers. L’obiettivo è rileggere dunque l’11 settembre alla luce degli sforzi fatti in questi anni per promuovere i valori del dialogo fra i popoli, le culture e le religioni. Tre i momenti: al mattino il giro del Sorasass con i “Nuovi trentini”, a partire dalle ore 9.30 a Cadine; il pomeriggio, alle 17.30, nella sala Rosa della Regione, la proiezione del film “Out of Cordoba: Averroè e Maimonide nel loro e nel nostro tempo”, in collaborazione con Religion Today; la sera, con inizio alle 20.30, sempre nel palazzo della Regione, in piazza Dante a Trento, un dibattito a più voci al quale parteciperanno anche l’assessore provinciale alla solidarietà internazionale e convivenza Lia Giovanazzi Beltrami e l’arcivescovo di Trento Luigi Bressan.
Superare i sentimenti fomentati da quel tragico 11 settembre 2001; rivivere diversamente, insieme questa data e riconsegnarla alla storia carica di un nuovo significato. Questo l’obiettivo delle iniziative organizzate per domenica, prossima, 11 settembre. Dieci anni dopo la tragedia che per molti ha sancito lo scontro di civiltà, parte dal Trentino un messaggio di riflessione e di speranza. La proposta è quella di trascorrere insieme momenti conviviali e di confronto; un’occasione per riconoscere, nelle diverse fedi, i valori che ci accomunano e che fanno delle religioni uno strumento non di divisione, ma di dialogo.
Al dibattito serale, presso la sala della Regione, saranno presenti anche alcuni ospiti importanti: il vescovo della diocesi di Vasai, India, Felix Anthony Machado, che è anche sottosegretario del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso, Izzeddin Elzir, Imam di Firenze e presidente dell’UCOII (Unione delle Comunità Islamiche d’Italia), Giuseppe Franchetti, presidente dell’Associazione Keshet-ebraismo Laico, Aboulkheir Breigheche, presidente della Comunità islamica del Trentino-Alto Adige. Modererà Alessandro Martinelli, direttore dell’Ufficio diocesano per il dialogo Interreligioso.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di terzi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi